Associazione

Documenti dell'Associazione

 

Vai alle Pubblicazioni

 

 Il Secondo Convegno sull'adolescenza

Il Secondo Convegno sull'adolescenza

L'articolo di Libertà in PDF

 

Vita alla vita!

Ormai da alcuni anni, si celebra la prima domenica di febbraio, la “giornata per la vita”.

E’ stata una grande gioia vedere i bambini piccoli portare con entusiasmo ed impegno le loro primule all’altare e consegnarle a don Piero.

Erano come questo fiore il primo a sbocciare in primavera, il segno della vita che continua nella nostra comunità, la gioia di essere presenti, essi stessi dono.

Don Piero ha commentato il messaggio dei vescovi per l’occasione. In particolare ha fatto riflettere su questa frase: “ un gigantesco “IO” stritola un fragile “NOI”.

Troppo spesso l’esigenza dei singoli e le aspettative egoistiche impediscono l’apertura della famiglia alla vita dei figli. 

Senza figli non c’è futuro e senza genitori non c’è futuro.

Occorre quindi lavorare:

  • sulla famiglia perché riscopra che la generosità, la comunione e la fraternità non sono valori perdenti;

·        sulla società, sul mercato del lavoro e sulla cultura, perché solo le famiglie sono il futuro della società;

  • sulla politica, perché riconosca che il nucleo primario della società è la famiglia e che quindi è indispensabile investire con convinzione sui figli nostro futuro.

Batte il cuore.

Il cuore batte…

(in preparazione al campo– scuola del 2004)

 

Il mondo dei sentimenti e degli affetti rappresenta per i bambini e per gli adolescenti un laboratorio di crescita che passa attraverso la conoscenza, l’interiorizzazione, la relazione con l’altro.

L’emozione che proviamo per un fatto, una persona o un’esperienza è in grado di veicolare 

· l’apprendimento, 

· il desiderio di sperimentare in profondità, 

· ipotizzare la ri - sperimentazione o lo sviluppo del sentimento, 

· la rievocazione e 

· la valutazione critica di quanto vissuto.

 

Il cammino nella vita passa attraverso il nostro sentire!

Il primo importante passaggio è quello di aiutare i più piccoli (ma la cosa vale anche per gli adulti) a riconoscere i propri sentimenti, dar loro parola. Poi si tratta di dare ai sentimenti l’opportunità di crescere ed essere adeguati agli eventi della vita ed alla maturazione personale.

 

Gli affetti sono l’espressione esterna dei sentimenti, rappresentano quindi un ponte verso la realtà e verso gli altri; permettono alla persona di uscire dalla chiusura di un mondo fatto solo di se stesso, di arricchire la visuale e in definitiva di diventare protagonisti della concretezza, anche attraverso l’impegno per un ideale.

Un sentimento tradito, un affetto penoso, una  delusione possono peraltro essere causa di rifiuto e di chiusura, quasi a tentare un intervento analgesico (togliere il dolore dalla vita), che può diventare anestetico (togliere le sensazioni dalla vita).

Pensiamo alle vite non vissute o vissute nell’apatia, pensiamo alle esperienze di tossicodipendenza.

Anche questo ci deve far capire l’importanza del mondo sentimentale e la necessità di attenzione educativa.

La presenza e l’aiuto degli altri, in particolare degli adulti significativi e del gruppo, è un’ulteriore risorsa che abbiamo a disposizione per migliorarci, anche nel campo dei sentimenti e degli affetti.

Come pro memoria un vecchio adagio:

“Il ferro si affina col ferro, l’Uomo con il contatto con l’Uomo”.

 

 

Ecco le Pubblicazioni

 

Il padre prodigo

Autore : Della Croce Flavio

Editrice Berti

In libreria a 12€

 

Sembra ripercorrersi, con l'inversione del ruolo dei protagonisti, l'abbandono della casa da parte del figliol prodigo: un padre che vuole la sua parte e se ne va, un figlio che aspetta e non si stanca di aspettare

 

 

 

 

Animare, educare

far vivere la speranza

Autore : Della Croce Flavio

Editrice Berti

In libreria a 10€